Foto : © Luca Dalla Palma / FOTOFFICINA

La domanda più ricorrente che mi viene rivolta è di solito : ".....cos'è il freeride?"

Per parecchio tempo ho cercato di trovare una risposta razionale ma non ci sono riuscita. Ho anche provato a cercare un significato filosofico rischiando di scivolare nella banalità. Mi sono infine guardata dentro e credo di aver trovato una risposta convincente, credo di aver capito di cosa si tratta. Fatto salvo il significato letterale, freeride è un qualcosa che va oltre il semplice sciare, l'andare in bicicletta, il surfare le onde o l'arrampicarsi su una montagna. Freeride è lasciare una traccia, un segno della nostra presenza nel mondo. Un modo per dire ci sono, per donare energia. Un modo di….vivere. Chiunque ricerchi questi valori, tanto nello sport quanto nella vita, ha tutto il diritto di considerarsi un freerider.

Io penso di esserlo. 

Sono nata a Brescia il 28 luglio 1970. Risiedo a Lumezzane, un grosso paese industriale, poco distante dal capoluogo di provincia. Negli anni... la passione per lo sci, la bici, l’alpinismo e il windsurf... si sono trasformate in lavoro e oggi mi guadagno da vivere facendo ciò che mi piace. Passo la maggior parte dell'inverno sulla neve, lavorando come maestra di sci, di snowboard e come istruttrice nazionale di telemark. In estate monto in sella alla bicicletta per conto di una società americana che organizza vacanze di gruppo in Italia. Trascorro parte della mia vita lontano da casa, talvolta per lavoro, più spesso per piacere. Mi piace scoprire e conoscere il mondo tramite lo sport : sci, bicicletta e alpinismo sono pretesti ideali per organizzare un viaggio. Con gli sci sono stata al Peak Lenin (7126 m) nel 2003 e al Mutazagata ( 7.5460 m) nel 2007, ma sono moltissime le avventure vissute in Dolomiti, nelle Alpi, in Libano, nelle Rocky Mountains o in Canada. Più di recente ho cominciato a indagare le incredibili potenzialità delle due ruote, aprendo un’altra finestra sul mondo. Dopo dignitosi trascorsi come downhiller, mi prende sempre più il pedalare a lungo in mountain bike o con la bici da strada. 

Grazie alla collaborazione con alcune riviste sportive italiane quali MONTEBIANCO e FREE.RIDER, le esperienze realizzate possono essere trasmesse e condivise, diventare stimolo per chiunque ami viaggiare, all'insegna dello sport, alla scoperta del mondo. 

Resta il fatto inconfutabile che nessuna delle esperienze vissute sarebbe stata possibile senza il sostegno degli amici che da sempre condividono i più felici momenti della mia vita. 

A loro il più sincero grazie.

Tutte le foto sono soggette a © copyright. Divieto di riproduzione e utilizzo.